Viaggi del Gusto Magazine

Viaggi del Gusto è ….

Menù

Ultimi articoli

In linea con i flavonoidi

Shares
Leggi meglio

 Vuoi o non vuoi si torna sempre lì, alla solita “mela al giorno”. Alla quale però in questo periodo si possono aggiungere frutti di bosco, pesche, ciliegie, o ancora peperoni, ravanelli, cipolle… insomma, tutti i prodotti dell’orto e del frutteto che contendono questi preziosi composti che ci aiutano a dimagrire e restare in formaPer mantenere il giusto peso sul lungo periodo e per contrastare l’invecchiamento occorre mangiare regolarmente quantità anche piccole di frutta e verdura ricca di flavonoidi. Frutti e verdure strani? Nient’affatto, non spaventi la parola scientifica flavonoidi: in questa famiglia si trovano, da un lato, mele, fragole, mirtilli, ciliegie, pesche, prugne, frutti di bosco rossi, pere, arance e, dall’altro, peperoni, melanzane, ravanelli, cipolle rosse, fagioli. Sono cibi facili da introdurre, ogni giorno, nella propria alimentazione e i risultati, lenti ma costanti, non mancheranno. La prova viene da una ricerca angloamericana condotta in collaborazione dalle Università di Harvard e di East Anglia su 25 mila persone di età tra i 27 e i 65 anni. Questi volontari-cavie sono stati seguiti a intervalli regolari per ben 25 anni controllando il loro modo di mangiare e gli stili di vita. La durata ha molta importanza in questa proposta di alimentazione “normale”, giornaliera, perché i suoi effetti non sono rapidi come se si seguisse una dieta dimagrante. È sul lungo periodo, facendo di questi suggerimenti una (sana) abitudine, che arrivano i risultati. Cosa è emerso dall’indagine? Che a parità di calorie ingerite e con qualche possibile cambiamento nello stile di vita, ad esempio la rinuncia al fumo e all’alcol, e praticando attività fisica, coloro che consumavano alimenti ricchi di flavonoidi nel lungo termine potevano beneficiare di una riduzione del peso. «Sembrerebbe sufficiente consumare anche una sola porzione giornaliera di alcuni di questi frutti o verdure – ha dichiarato Aedin Cassidy, fra gli autori dello studio – per favorire il controllo del peso con importanti ricadute in termini di salute». I chili di troppo, specie con l’avanzare dell’età, aumentano infatti le probabilità di sviluppare malattie cardiache, pressione alta, diabete e alcune forme di tumore correlate proprio al grasso corporeo in eccesso. Ma non basta: i flavonoidi, insieme con altre sostanze dette antocianine, contrastano i radicali liberi e hanno effetti positivi su fegato, sistema immunitario e contribuirebbero alla prevenzione di alcune patologie degenerative.  L’arcobaleno nel piattoSi consiglia di tenere presente nella scelta di frutta e verdura giornaliere “i cinque colori della salute” che sono: bianco, rosso, verde, giallo e blu. A ogni colore, infatti, corrispondono proprietà nutritive diverse e la varietà dei cibi è una raccomandazione basilare per ogni regime alimentare sano.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top