Viaggi del Gusto Magazine

Viaggi del Gusto è ….

Menù

Ultimi articoli

Un angolo di New York sui Navigli

Shares
Leggi meglio

 Appaga la voglia di mare di quanti si trovino ancora a Milano in queste calde giornate estive, la cucina del Soho di Via Tortona. Qui, infatti, pescato del giorno e pasta tirata a mano non mancano mai, quasi stessimo cenando su una spiaggia. L’atmosfera però è quella dei locali di tendenza della capitale mondiale dello stile    Il nome è un acronimo di South of Houston Street, proprio come il quartiere di Manhattan dal quale trae ispirazione, ma lo si raggiunge semplicemente varcando le soglie di una corte “vecchia Milano” di Via Tortona, la strada milanese del design. Al Soho l’atmosfera è quella dei migliori ristoranti della Grande Mela, grazie anche all’elegante passerella illuminata da file di candele che accoglie l’ospite e lo conduce fino al tavolo, e all’ambiente raffinato riscaldato da grandi lucernai. A riempire la scena, un’enorme tela in bianco e nero: Stop di Simone Lingua, giovane artista piemontese; tutto attorno, pareti tappezzate da carta da parati firmata Kenzo. Ai tavoli del Soho però non è solo l’occhio a godere. Ad accompagnarci in questo viaggio del gusto dallo stile cosmopolita è infatti un team creativo amante sì del design e del buon vivere, ma soprattutto della buona cucina, che resta saldamente legata al concetto di italianità. Filosofia che emerge dalla scelta di soli ingredienti Dop e Igt nazionali e della pasta fresca fatta a mano, grande protagonista del menu. È con queste basi che ogni giorno vengono ideati piatti dai sapori originali, per lo più a base di pesce – scelto in base al pescato disponibile quel giorno –, ed esaltati da ottimi vini di provenienza italiana, ai quali si aggiunge qualche bottiglia dall’accento francese. Ma veniamo al sodo, partendo dall’entrée, dove a dominare su tutto è il polpo grigliato su vellutata di piselli e bacon, ma anche il carpaccio di capesante con terrina di bufala campana, arance e pomodorini e l’aspic di pesce e crostacei con verdurine in salsa verde e uova di quaglia sanno farsi ricordare. Tra i primi piatti, da provare le fettuccine su carpaccio di tonno, briciole di tarallo, lime e bottarga, e il riso al salto al nero di seppia con tartare di branzino ed emulsione al Franciacorta, ai quali fa seguire tataki di tonno in crosta di papavero con petali di pomodori alla cannella, o trancio di branzino su letto di spinaci novelli, riduzione di ostriche e uova di lombo, e per chi invece preferisce la carne, uno squisito filetto di angus con salsa alla senape antica e verdurine saltate. Per gli amanti del crudo, da non perdere la Gran degustazione di cruditè di mare e la Gran degustazione di ostriche (Kys Marine allevate nella regione della Manica, Spéciales irlandesi, e Spéciale d’Isigny dalla Normandia). A chiudere il pasto biscottini di millefoglie con crema di cioccolato bianco e fragole fresche, tortino di pere e mandorle con crema inglese, oppure un fresco sorbetto artigianale di frutta fresca. SohoVia Tortona, 12MilanoPrezzo medio: 50 euro       www.sohoristorante.it

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top