Viaggi del Gusto Magazine

Viaggi del Gusto è ….

Menù

Ultimi articoli

Due giganti del cinema… faccia a faccia!

Shares
Leggi meglio

 Ron Howard e Tom Hanks sono in Italia per l’anteprima mondiale del film Inferno, che si terrà l’8 ottobre a Firenze. Protagonista d’eccezione, insieme a Tom Hanks, Felicity Jones e Omer Sy, il treno Italo: quest’ultimo compare infatti all’interno del film in un efficace product placement che trasforma il treno stesso nell’ambientazione principale di numerosissime scene d’azione che costituiscono i momenti chiave del film.    PARLA RON HOWARD  Cosa si prova a essere a capo di una produzione così importante?Nel dirigere film come Inferno si sente tantissimo il peso della responsabilità, perché sono opere basate su libri che la gente adora e tutto deve essere all’altezza di quello che il pubblico si aspetta. Qual è stata la sfida più grande durante le riprese?Le sfide sono state tantissime, ma è stata proprio questa la parte più allettante! Non è stato facile, abbiamo spesso lavorato sotto un cocente sole estivo e c’erano scene d’azione molto complesse da girare, soprattutto nella luoghi storici della città di Firenze dove, comprensibilmente, il tempo a disposizione per le riprese era poco. Sicuramente la sfida più grande però è stata dare giustizia alla storia raccontata da Dan Brown nel libro e trasformarla in un film avvincente. Cosa rende Inferno un film da non perdere?Inferno combina in maniera magistrale elementi importantissimi: il ritmo serrato della narrazione, una pista di indizi da seguire fino in fondo e la sensazione, sempre presente durante tutta la visione del film, che all’uscita della sala avrai sicuramente qualcosa di cui discutere e parlare. Inferno è un film che diverte ma che allo stesso tempo offre al pubblico spunti e riflessioni di cui discutere. La trama è avvincente: Zobrist è un brillante scienziato deciso ad annientare milioni di persone perché convinto che la sovrappopolazione porterà l’umanità verso una catastrofe; Langdon è l’unico uomo che può fermarlo, cercando tracce e indizi all’interno del capolavoro di Dante, la Divina Commedia, che si apre proprio con l’angosciosa descrizione dell’Inferno. I personaggi della storia sono estremamente affascinanti, e il cast è composto da stelle internazionali d’eccezione.    PARLA TOM HANKS Tom, ci parla del dottor Langdon, il personaggio che interpreta nel film?Sono molto orgoglioso di aver interpretato questo ruolo; si tratta di un personaggio estremamente interessante. Non ha pregiudizi, è sveglio, ha una mente brillante, una specie di super-eroe che in alcuni momenti della narrazione è anche vulnerabile, e questo lo rende ancora più affascinante. Cosa risponde a coloro che fanno notare che i film ispirati ai libri di Dan Brown sono diventati un franchise?Sicuramente si tratta di un franchise che ha riscosso fino a ora un enorme successo tra milioni di affezionati fan in tutto il mondo. Ma né io né Ron siamo contrattualmente obbligati a produrli, lo facciamo perché crediamo nel loro potenziale di film a se’ stanti, autonomi l’uno dall’altro. Il nostro scopo è quello di dar vita a una storia appassionante e avvincente, sempre nuova per il pubblico, una storia che diverta. E questo è stato anche il criterio che abbiamo seguito nel girare e interpretare Inferno. C’è un libro di Dan Brown, Il Simbolo Perduto che non è mai diventato un film, proprio perché la storia non ci convinceva. Ci racconta qualcosa della sua “partnership creativa” con Ron Howard?Inferno è il nostro quinto film insieme. Sono passati circa 30 anni da quando io e Ron abbiamo lavorato insieme per la prima volta e il nostro comune approccio nel fare i film fino ad ora è rimasto sempre lo stesso: produrre sempre il meglio per il pubblico.

Dicci cosa ne pensi!

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Top